Gestione degli spazi negli atelier creativi

atelier_spaziNella gestione degli atelier assume un’importanza rilevante la gestione degli spazi. L’aula dovrebbe essere più grande di una tradizionale con spazi tali da ospitare ambienti diversi dove svolgere le varie attività. Per la realizzazione dell’ambiente occorre coinvolgere tutto l’ambiente scolastico oltre a personale esterno esperto nel design  e nella gestione degli spazi. Lo spazio dovrebbe essere diviso come una matrice con spazi di diversa specializzazione e flessibili capaci di offrire diverse modalità di attività informali da realizzare individualmente, in piccoli gruppi o in gruppo.

Elenchiamo di seguito gli elementi, secondo le indicazione del MIUR, che un atelier dovrebbe avere:

  • Setting variabili

    I setting variabili sono ottenuti mediante isole di lavoro e postazioni con un numero
    variabile di studenti che permette di gestire la pianificazione dei progetti più agevolmente.

  • Schermi e connessioni

    Dovendo interagire nell’atelier strumenti e contenuti sia analogici che digitali e concependo
    uno spazio didattico fluido che supera la fissità dell’aula, risulta molto importante concepire
    lo spazio e il suo orientamento in funzione dell’impiego simultaneo di schermi e superfici
    per la ricerca e l’annotazione.

  • Zone specializzate

    A seconda delle scelte progettuali e della grandezza dello spazio individuato potrebbe essere
    opportuno realizzare delle zone specializzate all’interno dell’atelier, come percorsi o come set di
    esperienza reale o virtuale per scoprire o promuovere i talenti degli studenti anche nel campo della
    produzione di audio, video, suono, anche attraverso l’uso di strumenti digitali; oppure come aree
    “generaliste” di tinkering o di stampa 3D.

  • Studioli separabili

    Se necessario, si può prevedere, anche attraverso arredi mobili e dispositivi individuali o
    collettivi su carrello, la possibilità di creare temporaneamente degli ambienti separati
    (studioli), in base alla tipologia di aggregazione dei gruppi di lavoro e al grado di
    responsabilizzazione e autonomia degli studenti.

  • Colori e luci

    La scelta dei colori per pareti, porte, arredi è un aspetto molto significativo, anche di
    coprogettazione. Questa è un’opportunità per analizzare le potenzialità che le scelte dei
    colori portano con sé in termini di benessere, piacevolezza, energia. Analogamente,
    l’integrazione di luci naturali e di luci artificiali, insieme all’individuazione di possibilità di
    zone di luce o di ombra, costituiscono un fattore importante per l’efficacia dell’uso
    dell’atelier.

  • Infrastruttura elettrica ed informatica

    L’aspetto della sicurezza, considerando la compresenza di dispositivi mobili e fissi al fianco
    di strumenti per la manualità e la creatività anche elettrici, richiede uno studio attento della
    dislocazione e dei carichi prevedibili per i punti di accesso all’elettricità e alla rete.

Articoli collegati:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *