Ora con Google Classroom i genitori possono seguire i lavori dei propri figli

Logo di Google Classroom

Logo di Google Classroom

Grazie all’aggiornamento di agosto 2016 per l’app Google Classroom, agli studenti si possono associare uno o più tutori (genitori o altre persone).

Alcune caratteristiche di questa funzionalità sono le seguenti:

  • Ai tutori saranno inviate email giornaliere o settimanali (essi possono scegliere la frequenza degli invii) con il riepilogo dei compiti fatti dagli studenti.
  • I riepiloghi riguardano i post pubblicati dagli insegnanti nello stream del corso quali i nuovi annunci, le domande o i compiti assegnati, consegnati o non consegnati.
  • I tutori possono annullare l’iscrizione al corso quando desiderano e quindi interrompere l’invio dei riepiloghi.
aggiungere-tutori-a-un-corso

In evidenza come assegnare un tutore a uno studente

 

Per quanto riguarda gli altri aggiornamenti, ricordo che negli ultimi mesi sono state aggiunte a Google Classroom altre funzionalità quali:

  • La possibilità di fare dei sondaggi tra gli studenti utilizzando domande a scelta multipla;
  • La creazione delle bozze di ogni tipo di post, compresi i compiti, da pubblicare in un secondo momento. La data e l’ora di pubblicazione può essere programmata in anticipo;
  • L’organizzazione degli stream per argomenti;
  • La visualizzazione della cronologia delle modifiche dei voti assegnati a uno studente;
  • Gli aggiornamenti delle funzioni precedenti per le app Andoid e iOS;
  • La possibilità di creare dall’app per i dispositivi mobili (Andoid e iOS) un file pdf vuoto, scriverci sopra note o disegnarci immagini e salvarlo come allegato a un compito.

 

Manuale di Google Classroom

Per approfondire l’argomento consiglio il testo “Google Classroom per la scuola digitale“, disponibile nello Store di Amazon.it.

Nella guida sono fornite tutte le informazioni utili agli insegnanti o agli studenti per usare pienamente l’applicazione.

Sono spiegate in dettaglio tutte le sue funzionalità, da quelle più utilizzate a quelle meno conosciute. Tutte le istruzioni sono corredate da numerosi screenshot.

 

 

Ti possono interessare anche gli articoli:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *