Risorse aperte di apprendimento

Di Jonathasmello - Opera propria, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=18527695

Di Jonathasmello – Opera propria, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=18527695

Nel PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitale) all’AZIONE #23 Promozione delle risorse educative aperte e linee guida su autoproduzione dei contenuti didattici è indicato: verranno elaborate “linee guida che forniranno indicazioni e suggerimenti specifici relativi ai materiali didattici digitali autoprodotti, … nell’ottica di incoraggiare processi sostenibili e funzionali di produzione e di distribuzione, che possibilmente aiutino a far emergere e diffondere i materiali migliori e facilitino la validazione collaborativa e il riuso, garantendo un regime di diritti che sia sensato e funzionale per le OER”.

Sempre nello stesso documento nelle pagine seguenti viene riportato:

“Il libro di testo è solo un’indicazione prevalente di come i contenuti curricolari possono essere organizzati, e deve oggi essere funzionale rispetto all’esigenza di un efficace affiancamento fra contenuti curricolari e contenuti integrativi.

Il Piano intende affrontare per questo il tema delle architetture di produzione, distribuzione e fruizione dei contenuti di apprendimento, che permettano la massima circolazione di intelligenza e la migliore qualità delle pratiche formative, che risolvano efficacemente il rapporto tra produzione intellettuale “formale” e “informale”, nonché l’esigenza di bilanciamento tra apertura, condivisione e protezione dei contenuti.

In questo senso, specifica attenzione sarà dedicata alla promozione delle Risorse Educative Aperte (OER, Open Educational Resources), ossia alle pratiche di produzione e condivisione di risorse aperte per l’educazione”.

Cosa sono le OER (Open Educational Resources)?

“Con risorse didattiche aperte si intendono i materiali didattici in formato digitale resi disponibili con licenze che ne permettono il riutilizzo, la modifica e la distribuzione. Si tratta di un’iniziativa promossa dalla comunità mondiale per l’educazione come bene comune”.

https://it.wikipedia.org/wiki/Risorse_didattiche_aperte

Le OER possono essere suddivise in:

  • Risorse per l’operatività (licenze aperte per la proprietà intellettuale)
  • Contenuti didattici (corsi, pubblicazioni, unità didattiche …);
  • Strumenti (software open source)

Risorse per l’operatività

  • Licenze Creative Commons: sei tipi di licenze risultanti dalla combinazione di quattro clausole che permettono a chi detiene il copyright (autori) di trasmettere alcuni diritti e di conservarne altri.
  • GNU Free Documentation License: licenza per rendere testi, manuali e documenti liberi di essere copiati o ridistribuiti con o senza modifiche.

Contenuti didattici

  • ebook;
  • video;
  • moduli SCORM (Shareable Content Object Reference Model) per l’e-learning. Moduli e-learning riutilizzabili e condivisibili.

Strumenti

  • Software Open Source: software di cui gli autori rendono pubblico il codice sorgente, favorendone il libero studio e permettendo a programmatori indipendenti di apportarvi modifiche e estensioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *