Come scegliere un servizio cloud (confronto tra i principali cloud gratuiti)

I nostri dati vengono salvati sempre più spesso in servizi cloud. Cli archivi online stanno sostituendo progressivamente le pen drive usd o le schede di memoria.

L’uso, spesso inconsapevole, di queste tecnologie è più diffuso di quanto crediamo: si pensi ad esempio alla posta elettronica, ai motori di ricerca, ai filmati archiviati su YouTube o alle immagini salvate su Facebook. Con il cloud computing quindi, si può accedere a costi molto bassi, e in alcuni casi gratuitamente,a servizi che in passato erano disponibili solo per le grandi aziende.

Che cos’è il cloud computing?

Con il termine cloud computing, o nuvola informatica, si comprende tutta una serie di tecnologie che, grazie all’uso di risorse hardware e software distribuite nella rete, permettono di usufruire di servizi di archiviazione ed elaborazione dati. L’utente non acquista un prodotto, ma la possibilità di utilizzarlo in remoto senza possederlo fisicamente. 


Quali sono i vantaggi del cloud computing?

  • Basso costo (alcuni servizi sono gratuiti);
  • Possibilità di accedere ai propri file da qualsiasi luogo e con qualsiasi dispositivo;
  • Servizi sempre aggiornati (non ci dovremo più preoccupare di aggiornare i servizi che utilizziamo, avremo a disposizione sempre l’ultima versione del software);
  • Nessun programma da installare nel nostro PC;
  • Elevata sicurezza e protezione dei dati (a proteggere i nostri dati ci penserà il cloud provider (così viene definita l’azienda che offre servizi in cloud).

Come scegliere un servizio cloud?

Elementi da valutare nello scegliere un servizio cloud:

  • Costo;
  • Spazio disponibile;
  • Accesso e disponibilità;
  • Sicurezza e privacy;
  • Continuità del servizio;
  • Migrazione dei dati.

Principali servizi cloud a confronto

  • Google Drive (15 GB gratuiti, spazio illimitato per le foto,  oppure spazio illimitato con G Suite for Education; inoltre il servizio include la possibilità di utilizzare le app di Google);
  • Dropbox (2 GB gratuiti, possono essere aumentati fino a 20 GB invitando amici);
  • OneDrive (5 GB gratuiti oppure spazio illimitato con Office 365 Education);
  • iCloud (5 GB gratuiti, disponibile solo per utenti Apple);
  • Amazon Drive (5 GB gratuiti, spazio illimitato per le foto, disponibile per gli utenti Prime di Amazon).

Il migliore secondo noi

Google Drive ha uno spazio gratuito di ben 15 GB, che può diventare illimitato per gli utenti di G Suite for Education. 

Inoltre, Google ha realizzato la suite software Google Apps for Education, ora rinominata G Suite for Education, che include numerose applicazioni offerte in hosting gratuitamente alle scuole, oltre a servizi aggiuntivi e specifici, quali: la possibilità di creare indirizzi email con il dominio della scuola, del tipo tuonome@tuascuola.gov.it; uno spazio di archiviazione nel cloud illimitato per ogni utente; l’utilizzo esclusivo dell’applicazione Google Classroom; un servizio di assistenza 24/7 (24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana).

Per approfondire l’argomento consulta gli articoli:

Lascia un commento